Nascondeva in casa 70 grammi di marijuana e una serra con 6 piantine, arrestato studente

Il giovane 20enne è accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale perché ha cercato con la forza di non fare entrare i carabinieri in casa chiedendo un mandato di perquisizione.

Ha cercato di impedire con la forza ai carabinieri di perquisirgli casa sua richiedendo un mandato di perquisizione e poi ha dichiarato di essere malato e di curarsi con la marijuana, ma i carabinieri sono entrati lo stesso nel suo appartamento dove nascondeva una serra artigianale con 6 piantine di marijuana, delle ventole per l’areazione, dei termometri e delle lampade riscaldanti, una bilancina di precisione 70 grammi di sostanza stupefacente tipo marijuana. È successo ieri sera a Bologna dove uno studente italiano di 20 anni è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a un pubblico ufficiale. Il giovane si è trovato i carabinieri in casa perché era sospettato di produrre e vendere le sostanze stupefacenti ai clienti della zona, considerata la vicinanza col Parco della Montagnola. 

Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il giovane 20enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto prevista per oggi. 

Condividi