Più morti sulle strade del Bolognese, in aumento anche incidenti e feriti 

Dimezzato, però, il numero delle vittime nel capoluogo

Nei primi nove mesi del 2019 i morti sulle strade del territorio metropolitano di Bologna sono aumentati. È quanto rileva il report sull’incidentalità, pubblicato oggi a cura dell’Ufficio di Statistica della Città metropolitana di Bologna, insieme a un aumento del numero di incidenti e di feriti rispetto allo stesso periodo del 2018. I morti sono infatti 56, 6 in più rispetto ai primi nove mesi del 2018, con un picco nel mese di marzo (10 decessi). I feriti sono stati 3.892, 132 in più rispetto ai 3.760 dei primi nove mesi del 2018. I più colpiti sono i motociclist i le cui vittime sono aumentate di 77 unità, poi gli automobilisti (più 63) e infine i ciclisti (più 43). Si rileva una diminuzione per i pedoni (diminuiti di 7 unità per un totale di 354 feriti) e per le altre categorie di utenti.  

Gli incidenti stradali sono stati 2.851, 102 in più rispetto ai primi nove mesi del 2018 in cui erano stati 2.749. I mesi di maggior incidentalità sono marzo e giugno, con 370 e 375 incidenti. Il venerdì è la giornata con il più rilevante numero di incidenti, pari a 468, mentre l’orario più critico è quello attorno alle 18, in particolare nei giorni lavorativi, quando è maggiore sia il numero degli incidenti sia dei morti. Nel fine settimana si registrano meno incidenti, ma sono più presenti quelli nelle ore notturne. 

Rispetto alla distribuzione territoriale, in valore assoluto le variazioni più rilevanti si sono verificate a Zola Predosa (aumento di 32 sinistri e 53 feriti ma 1 morto in meno), Imola (aumento di 31 incidenti e 47 feriti ma 1 morto in meno), Argelato (aumento di 17 sinistri, 20 feriti e 3 morti), Calderara di Reno (aumento di 15 incidenti e 15 feriti) e San Pietro in Casale (aumento di 13 sinistri e 24 feriti). 

L’aumento dell’incidentalità non si è verificata in tutti i comuni della città metropolitana. In particolar modo il capoluogo, nel cui territorio si concentra circa la metà dei sinistri, ha registrato 1.408 incidenti (-39 sui primi 9 mesi del 2019), 1.817 feriti (-80) e 15 morti (-7). Nel comune di Bologna, in particolare diminuisce la mortalità di pedoni e ciclisti, mentre è stabile quella degli utenti di moto e motocicli e diminuiscono i feriti tra i guidatori di auto e ciclomotori. 

fonte: Città metropolitana di Bologna

Condividi