Ruba timbri e ansiolitici dall’ospedale Sant’Orsola, arrestato 20enne

Il mercato dei timbri abusivi non è nuovo tra gli spacciatori di sostanze stupefacenti che li utilizzano per falsificare le ricette mediche e ottenere indebitamente i farmaci da reintrodurre nel traffico della droga.

Ha rubato uno zaino contenente dei tablet e un timbro negli uffici amministrativi della struttura sanitaria in cui era entrato forzando una porta di accesso. È successo la scorsa notte, durante un intervento dei carabinieri al primo piano del Padiglione 2 del Policlinico Sant’Orsola Malpighi, dove era stata segnalata la presenza di una persona sospetta, un ragazzo di 20 anni di origine marocchina. Sottoposto a una perquisizione personale, è stato trovato in possesso anche di una scatola di ansiolitici senza alcun titolo giustificativo e quindi verosimilmente rubata nell’ospedale. 

Il mercato dei timbri abusivi non è nuovo tra gli spacciatori di sostanze stupefacenti che li utilizzano per falsificare le ricette mediche e ottenere indebitamente i farmaci da reintrodurre nel traffico della droga. Il 20enne, gravato da precedenti di polizia specifici e senza fissa dimora, è stato tradotto in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. 

Condividi