È il momento di digitalizzare la propria attività? Un aiuto arriva dalla Confcommercio

La Confcommercio di Bologna sta affiancando le realtà imprenditoriali in un percorso di innovazione digitale con il progetto di e-commerce  “Be Local”.

“Essere locali”, o forse meglio dire “essere digitali”. Per uscire da questa crisi sanitaria ed economica senza precedenti c’è bisogno di adattarsi alla situazione del momento e trasformare la propria attività rendendola digitale. Un aiuto alle attività per muoversi nel mondo moderno e digitalizzato arriva dalla Confcommercio Ascom Bologna, che già da alcuni anni, sta affiancando le realtà imprenditoriali in un percorso di innovazione digitale con il progetto “Be Local”, uno strumento utile per migliorare e semplificare il processo di acquisto e di vendita in questi tempi molto difficili. Il nome di questa iniziativa evoca un invito a “essere locali”, ovvero di tornare a guardare con attenzione alle attività del territorio. 

Esiste anche la necessità, per i negozi di affiancare, nell’ambito delle attività tradizionali svolte nel proprio punto vendita, quel percorso di digitalizzazione indispensabile per andare a soddisfare le nuove abitudini di acquisto dei consumatori. «Be Local nasce per essere infatti il marketplace delle attività locali, un punto di contatto tra clienti e attività su tutto il nostro territorio, locale e nazionale», spiegano dalla Confcommercio di Bologna. 

L’obiettivo è quello di dare a tutte le imprese, in questo momento già estremamente provate dall’emergenza sanitaria ancora in corso, nuove abilità nell’utilizzo di strumenti web per affrontare meglio il mercato in continua evoluzione.. All’iniziativa sarà data, a partire da questi giorni, visibilità e promozione attraverso un’articolata campagna di comunicazione” annuncia Enrico Postacchini, Presidente Confcommercio Ascom Bologna. 

«Il progetto Be Local è uno strumento digitale di facile accesso sia per il consumatore sia per l’azienda indispensabile per unire le virtù uniche di ogni attività con gli aspetti positivi del digitale al fine di aumentare le potenzialità di vendita attraverso una piattaforma e-commerce accessibile tramite una app e un sito internet. In questo marketplace, adesso, sono presenti cinquanta attività dell’area metropolitana di Bologna appartenenti a numerose categorie del commercio, dei servizi e anche delle professioni, pronte ad offrire alla clientela, insieme alle tradizionali attività di gestione del punto vendita, il delivery, l’asporto e l’e-commerce. I vantaggi per i consumatori e per le imprese che accedono a Be Local sono molteplici», spiega Giancarlo Tonelli, Direttore Generale Confcommercio Ascom Bologna. 

Con questo strumento il consumatore può accedere gratuitamente e concludere il processo d’acquisto in pochi passaggi – la ricerca, l’ordine, il ricevimento o la consegna. Per i titolari di un’attività imprenditoriale è facile aderire a questo circuito, creare il proprio negozio, caricare i prodotti, gestire la rete di distribuzione.  

Condividi