Coronavirus, Pd Emilia-Romagna:«Rimborsare l’abbonamento al trasporto pubblico»

Rimborsare studenti e lavoratori pendolari che avevano fatto l’abbonamento al trasporto pubblico e che a causa dei divieti per l’emergenza Coronavirus hanno dovuto interrompere i propri spostamenti. È la richiesta del consigliere regionale del Partito democratico Andrea Costa con la quale chiede alla Regione Emilia-Romagna di sostenere i tanti pendolari emiliano-romagnoli che avevano pagato un abbonamento annuale, una «spesa paragonabile ad una mensilità d’affitto di una famiglia». Per questo, si legge in una nota Pd, «servono forme di rimborso o di proroga della durata degli abbonamenti per gli studenti ed i lavoratori che non hanno potuto utilizzare a pieno il servizio». Nella sua risoluzione il Pd chiede anche in fondo salva-Comuni, uno «speciale stanziamento regionale per coprire la mancata compartecipazione delle famiglie al costo dei servizi educativi e scolastici che dalla fine di febbraio sono stati sospesi a causa del coronavirus». Minori entrate, spiega Costa, «che non possono ulteriormente gravare sui bilanci comunali, che già largamente coprono il costo reale di quegli stessi servizi, e che nemmeno possono essere riversate sulle imprese erogatrici del servizio». 

Fonte e foto: Agenzia Dire

Condividi