«Tper non integra le retribuzioni ridotte a causa del Coronavirus», Usb indice uno sciopero

L’azienda del trasporto pubblico «Tper ha rifiutato di integrare le retribuzioni ridotte a causa del ricorso allo stato di crisi, questo nonostante lo stanziamento dei finanziamenti alle aziende del trasporto pubblico locale. E a questo si aggiunge la mancanza di equa rotazione e trasparenza per gli accessi al fondo di solidarietà (la cassa integrazione del settore)». Sono i motivi per cui il sindacato di Base Usb ha indetto lo stato di agitazione proclamando un primo sciopero del trasporto pubblico di quattro ore per il prossimo venerdì 29 maggio. 

«Dopo gli inaccettabili ritardi per le misure di messa in sicurezza, la pulizia e la sanificazione dei mezzi rimane insufficiente ma a queste condizioni di lavoro si aggiungono le modalità di gestione del personale e delle loro retribuzioni», ha aggiunto Usb. Secondo il sindacato, vi sarebbe stata la chiusura totale o parziale di reparti che avrebbero avuto la possibilità di lavorare e mentre il personale in proprio veniva messo in cassa integrazione, l’azienda utilizzava personale esterno a copertura del personale Tper. 

«Nell’emergenza per il Covid-19 le lavoratrici e lavoratori di TPER si sono fortemente impegnati nel garantire un servizio pubblico essenziale alla cittadinanza ma da parte dell’azienda non vi è stata la disponibilità a instaurare un dialogo costruttivo per salvaguardare gli interessi dei dipendenti. Ancora una volta la dirigenza aziendale è rimasta sorda alle esigenze dei lavoratori e capace solamente di ragionare in ottica di bilancio senza tenere conto delle serie difficoltà di chi garantiva il servizio pubblico. Chi è rimasto in servizio si è visto allungare l’orario lavorativo mentre altri lavoratori sono stati penalizzati nel calcolo e nell’utilizzo delle ferie, con pressioni sul personale impiegatizio, People Mover e di altri settori, questo per fronteggiare una crisi aziendale e lavorativa che esiste solo sulla carta», ha dichiarato l’Unione sindacale di Base di Bologna. 

Modalità di sciopero: 

venerdì 29 maggio 2020 sciopero di tutti i dipendenti tper di 4 ore 

personale automobilistico di Bologna e Ferrara dalle 11,00 alle 15,00 

impianti fissi ultime 4 ore del turno 

sosta ultime 4 ore del turno ad esclusione dei turni garantiti. 

Condividi