Covid Emilia-Romagna, i contagi non scendono e i decessi aumentano di nuovo

I pazienti ricoverati in terapia intensiva in Emilia-Romagna sono 222 (+3 rispetto a ieri), 2. 422 quelli negli altri reparti Covid (+39). 

Sono 1.164 in più rispetto a ieri i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna, su un totale di 10.436 tamponi nelle ultime 24 ore, per cui la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dell’11%. Ieri i contagi sono stati 1.208 in più rispetto a sabato e la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti era del del 5,5%. Oggi 25 gennaio la situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 274 nuovi casi, segue la provincia di Modena con 200 nuovi casi, poi Ravenna (107), Rimini (104), Reggio Emilia (102), Ferrara (92) e Cesena (83). A seguire Imola (61), Parma (52) e le province di Forlì (49) e Piacenza (40). 

Purtroppo, si registrano 76 nuovi decessi: 5 a Piacenza, 5 in provincia di Parma, 8 nella provincia di Reggio Emilia, 9 nella provincia di Modena, 20 in provincia di Bologna, 11 nel ferrarese, 10 in provincia di Ravenna, 4 in provincia di Forlì-Cesena, 3 nel riminese. Infine, si segnala il decesso di un uomo di 76 anni diagnosticato dall’Ausl di Rimini ma residente in provincia di Pesaro-Urbino. 

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 1.156 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 151.122. 

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 51.289 (-68 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 48.645 (-110), il 94,8% del totale dei casi attivi. 

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, in questa prima fase riguardante il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani: alle 16 di oggi sono state somministrate complessivamente 134mila dosi. 

A causa dei tagli pari a circa il 50% delle dosi fornite la scorsa settimana – decisa autonomamente da Pfizer-BioNtech – anche per i prossimi giorni in Emilia-Romagna la priorità è data ai richiami, con la somministrazione della seconda dose a chi ha ricevuto la prima, e ai degenti delle Cra. 

Condividi