Borgo Panigale, minacciano e rapinano due minori e poi scappano: indagano polizia e carabinieri

Uno dei due aggressori avrebbe puntato un coltello al collo di uno dei ragazzini per farsi consegnare i cellulari, costringendoli a indicare anche i codici di sblocco.

Hanno minacciato con un coltello e poi rapinato degli smartphone due minori di 12 anni. È successo martedì pomeriggio a Borgo Panigale, alla periferia di Bologna, dove gli aggressori, probabilmente minori anche loro, poi sono fuggiti. Sul caso stanno indagando polizia e carabinieri. L’episodio è stato raccontato ai microfoni dell’emittente televisiva locale E’Tv, dalle madri delle due giovani vittime, sorpresi alle spalle mentre stavano raggiungendo la piscina di un centro sportivo percorrendo uno stradello pedonale nel parco tra le vie Biancolelli e Martin Luther King. In base al racconto delle madri, uno dei due aggressori avrebbe puntato un coltello al collo di uno dei ragazzini per farsi consegnare i cellulari, costringendoli a indicare anche i codici di sblocco. Spaventati, i due hanno poi raggiunto la piscina per chiedere aiuto e, facendosi prestare i telefoni, hanno avvertito le famiglie. 

Nelle scorse settimane, in altre zone della periferia di Bologna si erano verificate aggressioni a minori e ad anziani da parte di gruppi descritti come baby gang. 

Condividi