«Ci escludono perché tuteliamo i lavoratori», il sindacato degli infermieri Nursind contro il Policlinico Sant’Orsola

Esclusi perché non hanno voluto firmare il nuovo contratto che priverebbe i diritti ai lavoratori. Sembrerebbe essere stata la motivazione per la quale il sindacato delle professioni infermieristiche Nursind è stato escluso dalle nomine per designare il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), procedura seguita del Policlinico S. Orsola di Bologna. A denunciarlo è la segretaria del Nursind Bologna Antonella Rodigliano che ha sottolineato come si cercherebbe di evitare chi critica e chi porta avanti la tutela di quei lavoratori che si sentono non tutelati dalle nuove norme contrattuali 

La storia sarebbe andata così: il Policlinico Sant’Orsola avrebbe voluto modificare un regolamento secondo cui il Rappresentante dei Lavoratori della Sicurezza viene assegnato in base alla proporzionalità, ovvero in base ai voti che il sindacato ottiene. Inoltre, avrebbe inserito una modifica secondo cui possono partecipare alla designazione del RLS solo i sindacati firmatari del Contratto collettivo nazionale del Lavoro. Ed è qui che c’è l’esclusione del Nursind che non ha firmato il nuovo contratto che non tutelerebbe i lavoratori. «Ma il diritto di avere l’RLS è nella prerogativa sindacale stessa quindi pur di tagliarci fuori l’azienda ha modificato un accordo interno», ha specificato Rodigliano. 

E il nuovo regolamento, non approvato in Assemblea sindacale, è stato fatto passare al Collegio sindacale. «Il comportamento dell’azienda e delle altre sigle sindacali firmatarie del CCNL non sembra essere corretto e leale. Il Nursind, seppure non ha firmato il Contratto collettivo nazionale del Lavoro, ha comunque il diritto di partecipare alla contrattazione integrativa e a tutti i tavoli che riguardano temi su cui il sindacato ha competenza.», ha incalzato Rodigliano. 

Tuttavia, è stata accolta in modo positivo dal Nursind un’iniziativa politica in Regione Emilia-Romagna di un gruppo consiliare dell’Assemblea legislativa regionale che ha posto il problema dell’esclusione dalle nomine delle RSL del Nursind all’assessore regionale alla Salute, Sergio Venturi. 

Condividi