Coronavirus, a Bologna chiudono alcuni negozi spontaneamente

Nonostante non siano interessati alle misure fissate dal governo, molte attività commerciali di Bologna hanno deciso di chiudere per qualche giorno: si stratta di negozi di abbigliamento, di scarpe ma anche qualche bar che invece di chiudere alle 18, come da decreto, abbassano le serrande per tutta la giornata. Bologna, dunque, rallenta le sue attività forse perché alcuni imprenditori considerano inutile restare aperti se lo stesso decreto ministeriale dell’8 marzo invita tutti a restare a casa e a muoversi solo per lavoro o necessità urgenti. Oppure anche perché non vogliono rischiare contagi all’interno dei loro negozi dal momento che, per alcune attività, non è possibile mantenere la distanza di un metro quando entrano più clienti. 

Gli effetti principali si vedono sui trasporti: il traffico è quasi scomparso, gli autobus sono tutti semivuoti e anche in stazione, autostazione ed aeroporto l’afflusso di passeggeri è estremamente ridotto, con controlli da parte delle forze dell’ordine.   

foto: Agenzia Dire

Condividi